di
Roberto Cavallini
esecutivo Generazioni Toscana


Si costituisce, anche in Toscana Generazioni Legacoop, che organizza gli under 40 che lavorano nelle cooperative e strutture di Legacoop Toscana.

Una affollata riunione ha sancito, lo scorso 13 giugno, la costituzione del l’esecutivo della neonata Generazioni Toscana, coordinamento di quelle migliaia di giovani che, sia come soci che come dipendenti, operano in cooperative e strutture sindacali di Legacoop. L’esperienza di Generazioni a livello nazionale è nata da più di un  anno e, dopo una fase di sperimentazione e rodaggio, oggi si sviluppa in articolazioni territoriali regionali.

 

Gli obiettivi di Generazioni Toscana Legacoop


Gli obiettivi di Generazioni Toscana sono stati enunciati da Andrea Rapisardi.  Approfondire le questioni generazionali, valutando le opportunità e le problematiche che i giovani quotidianamente affrontano nelle imprese cooperative e nelle sue strutture associative; promuovere la cultura e il modello cooperativo nelle sedi istituzionali, in università, scuole e strutture di promozione delle politiche attive del lavoro; conoscenza e diffusione delle buone pratiche e esperienze in tema di ricambio generazionale, formazione e crescita dei giovani cooperatori.
Per svolgere al meglio il loro compito i “giovani costituenti” si sono voluti dare un vero e proprio regolamento illustrato da Sara Guidelli che, oltre agli obiettivi e finalità, prevede modalità di iscrizione e criteri di rappresentanza e di direzione: una assemblea di tutti gli aderenti, un esecutivo  e un suo coordinatore. Il tutto in nome della snellezza e soprattutto efficacia e funzionalità. Avranno da fare, questi giovani cooperatori, sacrificando molte ore del loro tempo libero, non sottraendo tempo e attenzione al loro lavoro in cooperativa.  Intanto hanno eletto un esecutivo, di cui fanno parte Guido Bassi (Cesvip), Giacomo Giusti (Consorzio Pegaso), Barbara Fortini (Cla1921), Dario Santillo (coop Biolabor), Sara Cavallini (coop 21/coop Wipala), Lucia Arcangioli (coop Beta) e Andrea Rapisardi (coop Lama), che sarà coordinato da  Sara Guidelli (Resposabile settore industriale in Arcpl Toscana) e hanno stilato un primo calendario di iniziative. Si parte nel prossimo luglio con un convegno organizzato con CGIL giovani sui temi del lavoro.


“Nel loro impegno gli “under 40” saranno sostenuti da Legacoop, che ha questa iniziativa assegna grande importanza. - Lo ha detto Stefano Bassi, Presidente di LegacoopToscana  nel suo intervento. -  Nel nostro movimento cooperativo coloro che hanno costruito le basi economiche e valoriali, tratto comune delle nostre imprese, hanno ormai passato la mano a una generazione, quella che è subentrata negli anni ottanta, che anch’essa nel prossimo futuro esaurirà il proprio mandato. Il futuro del movimento cooperativo è tutto vostro. L’impegno che abbiamo profuso, anche in questi anni di dura recessione economica, che ha investito anche, se pure in misura minore, le nostre imprese e le nostre attività, è sempre stato quello di stabilizzare le posizioni lavorative, ricercare il contributo nel lavoro e nello sviluppo delle aziende di giovani preparati e con competenze alte. Ci siamo riusciti, nonostante tutto. Questo patrimonio di energia, vitalità, competenze va gestito al meglio e implementato e voi siete i soggetti che più possono dare in termini di relazioni, interlocuzioni, individuazione di nuove modalità partecipative e di fidelizzazione alla nostra missione. Tanto più oggi, impegnati come siamo, come Legacoop e le altre organizzazioni cooperative, a costruire nel futuro il nuovo soggetto unico e rappresentativo di tutta la realtà cooperativa italiana, l’Associazione Italiana Cooperative.”